Senza categoria

Un nuovo studio rivela l’impegno dell’industria della moda verso la sostenibilità e la riduzione dell’uso della plastica negli imballaggi

Un nuovo studio condotto da Aquapak Polymers Ltd, specializzata in tecnologie di materiali a base polimerica in grado di fornire sia prestazioni che responsabilità ambientale su larga scala, condotto da consigli di amministrazione e dirigenti senior che lavorano per marchi e rivenditori di moda nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Australia , rivela 12 % prevede che la propria attività diventi completamente circolare entro uno o due anni, il 34% entro due o tre anni e il 31% entro tre o quattro anni. Un quinto prevede di raggiungere questo obiettivo in quattro o cinque anni.

L’economia circolare è un modello di produzione e consumo, che prevede la condivisione, il noleggio, il riutilizzo, la riparazione, il rinnovamento e il riciclo dei materiali e dei prodotti esistenti il ​​più a lungo possibile. In questo modo si allunga il ciclo di vita dei prodotti.

Quasi un terzo (32%) ha valutato eccellente la propria strategia per rendere il proprio business completamente circolare, oltre la metà (54%) l’ha definita buona e il 14% l’ha descritta come nella media, suggerendo che c’è margine di miglioramento. Quando si tratta di leadership nella sostenibilità, oltre la metà (54%) ha descritto la propria azienda come leader di mercato e innovatrice, il 39% ha affermato che la propria attività era nella media e “segue i leader” e il 7% descrive la propria attività come ritardataria e “sta cercando di recuperare terreno”. ‘.

I risultati mostrano anche che, mentre il 49% ritiene che la sostenibilità sia considerata estremamente importante per il successo della propria attività, solo il 21% ha descritto come eccellente la qualità dell’efficacia della propria strategia e del proprio programma di sostenibilità.

Oltre un terzo (37%) ha affermato che la riduzione dell’uso del polietilene negli imballaggi è una parte molto importante della loro strategia di sostenibilità, e un ulteriore 63% ha affermato che è piuttosto importante.