Beauty

PELLE E SPORT D’ESTATE: I CONSIGLI DELLA DOTTORESSA INES MORDETE SU COME SCEGLIERE IL WORKOUT PIÙ CORRETTO IN BASE ALLE FASI DEL CICLO

PELLE E SPORT D’ESTATE:

I CONSIGLI DELLA DOTTORESSA INES MORDETE SU COME SCEGLIERE IL WORKOUT PIÙ CORRETTO IN BASE ALLE FASI DEL CICLO

L’attività fisica è da sempre fonte di salute e benessere. I benefici derivanti dallo sport sono numerosi perché contribuiscono a mantenere l’organismo in forma, a mangiare più sano, a ridurre lo stress quotidiano e ad accrescere il buon umore. Il movimento aiuta in particolar modo anche a migliorare la salute della pelle. Lo sforzo fisico produce un aumento del flusso sanguigno e dell’ossigeno, che a sua volta permette alla pelle di risultare più sana, luminosa e vitale.

Tuttavia, anche nello sport, occorre seguire piccole regole e piccole accortezze per evitare di sortire l’effetto contrario rispetto a quello auspicato. Se viene praticato sport in modo esasperato e incontrollato, questo aumenta lo stress cellulare e i surreni sottoposti a iperstimolazione con conseguente immissione in circolo di ormoni tipici da stress (come cortisolo e prolattina), che, ad esempio nel caso dell’acne, stimolano le ghiandole sebacee a produrre una maggior quantità di sebo con evidente peggioramento della patologia cutanea. Anche altre patologie della pelle possono peggiorare se si pratica un’attività sportiva troppo intensa, in particolare quelle su base vascolare (come la rosacea o la comparsa di vene varicose) e alcuni eczemi (come quelli da stasi). Infine, se sollecitiamo i muscoli in maniera eccessiva tendiamo ad assumere espressioni corrugate della fronte e del viso che aumentano la comparsa di rughe.

La dottoressa Ines Mordente, medico chirurgo, specializzata in dermatologia e venereologia, ci fornisce alcune indicazioni e suggerimenti pratici e utili per quanto riguarda il mondo femminile, e in particolare sul delicato rapporto tra allenamento e ciclo mestruale. La salute della pelle e l’efficacia dell’allenamento può infatti essere ottimizzata tenendo conto dei flussi ormonali.

“È importante effettuare diversi tipi di allenamento in base alle oscillazioni ormonali del ciclo mestruale di una donna. Ad esempio, a seconda del flusso ormonale, sono consigliati alcuni esercizi piuttosto che altri, che hanno anche un effetto benefico sulla pelle.” Afferma la Dott.ssa Ines Mordente.

L’allenamento nella ragazza e nella giovane donna produce modificazioni ormonali legate al ciclo mestruale. Gli ormoni maggiormente coinvolti nel periodo fertile della donna sono quelli prodotti dall’ipofisi anteriore, ovvero:

Prolattina (PRL): ha la funzione principale di scatenare e poi mantenere la secrezione di latte nelle ghiandole mammarie durante l’allattamento;
Ormone follicolo-stimolante (FSH): favorisce la maturazione dei follicoli ovarici e stimola la produzione di estrogeni da parte dell’ovaio;
Ormone luteinizzante (LH): coadiuva l’FSH nell’indurre la produzione di estrogeni da parte dell’ovaio e nell’indurre la rottura del follicolo per permettere all’uovo di migrare nelle tube di Falloppio per essere poi fertilizzato.

Che cosa cambia con l’esercizio fisico?

Durante gli allenamenti accade che:

PRL aumenta in funzione dell’intensità dell’attività per poi ritornare ai livelli base dopo circa quarantacinque minuti dalla fine dell’allenamento;
PRL inibisce la funzione ovarica; infatti, tra le cause di irregolarità mestruale c’è proprio un aumento della PRL in risposta ai carichi di lavoro;
la produzione di PRL aumenta nelle donne che corrono senza indossare reggiseno (oltre che durante il digiuno o con una dieta ricca di grassi);
LH aumenta già prima dell’esercizio per poi raggiungere il picco durante il recupero;
FSH e LH risultano alterati in donne che praticano sport durante il ciclo; infatti, spesso solo la causa di alterazioni evidenti del mestruo;
FSH diminuisce in seguito ad allenamenti pesanti e ripetuti.

Se ti alleni nella fase follicolare…

L’ovulo viene rilasciato dal follicolo;
C’è un picco di estrogeni, che sono ormoni anabolizzanti;
Si sviluppa una maggiore sensibilità insulinica
Vantaggi: è il momento ideale per l’allenamento di forza, di durata e per l’ipertrofia (lavoro per aumentare il volume dei muscoli); aumenta la capacità di concentrazione, di tollerare il dolore, di metabolizzare i carboidrati più velocemente.

Consiglio: suggerisco sedute di allenamento più frequente.

Se ti alleni nella fase ovulatoria…

L’ovocita maturo viene condotto nelle tube uterine e la secrezione di estrogeni e progesterone è altissima.
Vantaggi: è il momento ideale per testare la resistenza.

Consiglio: suggerisco di praticare la corsa, andare in bicicletta eccetera.

Se ti alleni nella fase lutea (fase premestruale) …

Aumenta il progesterone, a discapito degli estrogeni;
Aumenta la temperatura corporea e si avvertirà maggiore fatica durante le attività;
C’è un maggiore impegno cardiovascolare;
Aumenta la ritenzione idrica
Vantaggi: è il momento ideale per attività che connettono fisico e mente e per ritrovare l’equilibrio interiore.

Consiglio: suggerisco attività leggere come yoga, pilates e meditazione.

errani studio