Eventi

Restituire l’incanto a Villa Medici Bando di concorso per il riallestimento delle camere degli ospiti di Villa Medici

Restituire l’incanto a Villa Medici

Bando di concorso per il riallestimento
delle camere degli ospiti di Villa Medici

L’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici si associa al Mobilier national, con il sostegno e la guida della Fondazione Bettencourt Schueller, per promuovere la creazione contemporanea nel campo dell’artigianato e del design, attraverso un bando eccezionale per progetti volti a riallestire e arredare le camere degli ospiti dello storico edificio di Villa Medici.

Sostenuto anche dalla Fondazione Banque Populaire e dalla Maison Tréca, questo bando di concorso coinvolgerà designer, architetti e artisti contemporanei che lavoreranno in team con artigiani per mettere in luce il loro know-how e dare una nuova identità alle camere di Villa Medici.

Al termine di un periodo di candidatura di due mesi, i progetti saranno selezionati da una giuria composta da Alberto Cavalli, direttore esecutivo della Michelangelo Foundation for Creativity and Craftsmanship e curatore generale di Homo Faber Event, Hedwige Gronier, responsabile del mecenatismo culturale della Fondazione Bettencourt Schueller, Hervé Lemoine, presidente del Mobilier national, Christine Macel, direttrice del musée des Arts décoratifs, India Mahdavi, architetto, designer e scenografo, Isabelle de Ponfilly, presidente del consiglio di amministrazione dell’École nationale supérieure des Arts décoratifs, e presieduta da Sam Stourdzé, direttore dell’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici.

Al bando, che prevede il riallestimento di tre camere entro il 2023, seguiranno altri due bandi nei prossimi mesi per un totale di nove camere.

Si inserisce in un ambizioso progetto di riallestimento per il 2025, intitolato “Restituire l’incanto a Villa Medici”, basato su una partnership inedita con il Mobilier national, per far dialogare gli approcci del design, dell’architettura, dell’interior design, della tappezzeria e delle arti della tavola.

La più francese delle ville romane, sede dell’Accademia di Francia a Roma dal 1803, inizia infatti una metamorfosi che si inserisce in una storia segnata da grandi operazioni di riallestimento e decorazione realizzate dai direttori di Villa Medici, da Horace Vernet a Richard Peduzzi, passando per Ingres e Balthus.

La storia continua oggi con questo vasto progetto portato avanti da Sam Stourdzé, riannodando il dialogo tra patrimonio e contemporaneità e aprendo largamente l’Accademia sulle sfide del design e dei mestieri d’arte.

L’impegno della Fondazione Bettencourt Schueller a fianco di Villa Medici rientra nella volontà comune di promuovere la creazione contemporanea nel campo dell’artigianato artistico. Per questo motivo l’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici e la Fondazione Bettencourt Schueller lanciano quest’anno un programma di residenza dedicato all’artigianato. In questo contesto, due progetti artistici di artigianato saranno ospitati ogni anno in residenza a Villa Medici. I primi due residenti selezionati sono la tornitrice di metallo Mylinh Nguyen e il duo di designer Caterina e Marc Aurel.

Con lo stesso obiettivo, la Fondazione Bettencourt Schueller sostiene anche il programma pedagogico “Residenza Pro” di Villa Medici per rafforzare la sensibilizzazione ai mestieri d’arte. Questo programma educativo per gli studenti delle scuole superiori professionali e agricole delle regioni francesi, avviato nel 2021 dall’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici, si propone di lavorare ogni anno su un’abilità collegata ai campi di eccellenza delle correnti professionali per esplorare tutte le espressioni tecniche, sociali, artigianali e artistiche. La prima edizione ha permesso di accogliere 300 alunni di 15 licei professionali della filiera del legno della regione Nuova Aquitania. Nel 2023, 600 studenti saranno accolti a Villa Medici provenienti dalle regioni Grand-Est e Provenza-Alpi-Costa Azzurra.

Spinti dall’ambizione comune di promuovere l’arte e il design, la Fondazione Bettencourt Schueller, il Mobilier National e l’Accademia di Francia a Roma, con la partecipazione della Fondazione Banque Populaire e di Tréca, uniscono le forze per fare di Villa Medici un luogo dove si perpetuano competenze eccezionali e si inventa il patrimonio di domani.

A proposito dell’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici:

Fondata nel 1666 da Louis XIV, l’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici è un’istituzione francese con sede dal 1803 a Villa Medici, villa del XVI secolo circondata da un parco di sette ettari sul colle del Pincio, nel cuore di Roma.

Ente pubblico nazionale dipendente dal Ministero della Cultura, l’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici svolge oggi tre missioni complementari: accogliere artisti e artiste, artigiani e artigiane, creatori e creatrici, storici e storiche dell’arte di alto livello in residenza annuale o per soggiorni più brevi; realizzare una programmazione culturale e artistica che integri tutti i campi delle arti e della creazione e che si rivolga a un vasto pubblico; conservare, restaurare, studiare e far conoscere al pubblico il proprio patrimonio architettonico e paesaggistico e le proprie collezioni.

L’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici è diretta da Sam Stourdzé.


A proposito della Fondazione Bettencourt Schueller:

La Fondazione Bettencourt Schueller è una fondazione familiare, riconosciuta di pubblica utilità fin dalla sua creazione nel 1987, che si propone di “mettere le ali al talento” per contribuire al successo e all’influenza della Francia.

A tal fine, cerca, seleziona, sostiene, accompagna e promuove donne e uomini che oggi immaginano il mondo di domani, in tre campi che contribuiscono concretamente al bene comune: le scienze della vita, le arti e la solidarietà.

Con spirito filantropico, la fondazione agisce attraverso premi, donazioni, supporto personalizzato, comunicazione e iniziative co-costruite.

Dalla sua creazione, la fondazione ha assegnato 634 premi e sostenuto più di 1.000 progetti guidati da individui, team, associazioni e organizzazioni di talento.

La Fondazione è impegnata nel settore dei mestieri d’arte da oltre 20 anni. È uno dei primi attori a valorizzare la dimensione contemporanea di questi mestieri grazie al premio Liliane Bettencourt per l’Intelligenza della Mano®. Identifica queste competenze come un vantaggio di attrattiva internazionale che è necessario diffondere all’estero. Ha contribuito al riconoscimento dell’artigianato come pratica artistica ammissibile alle residenze internazionali. In questo contesto è mecenate di Villa Kujoyama dal 2014, di Villa Albertine dal 2021 e ora anche di Villa Medici.


A proposito del Mobilier national:

Il Mobilier National sostiene le arti e i mestieri fin dal XVII secolo e la sua missione è quella di garantire la conservazione e il restauro delle sue collezioni uniche, nonché di perpetuare e trasmettere il suo eccezionale know-how. L’istituzione non è solo un importante sito del patrimonio, ma anche un protagonista della creazione contemporanea e della promozione delle arti decorative francesi.

Il Mobilier national crea e restaura decine di migliaia di mobili e oggetti destinati all’arredamento e alla decorazione di edifici pubblici in Francia e all’estero. Più di trecentoquaranta donne e uomini lavorano quotidianamente per mantenere, mettere in pratica e promuovere l’eccellente know-how dell’istituzione, a Parigi e nelle regioni limitrofe.

Le fabbriche di Gobelins e Beauvais sono dedicate agli arazzi, la fabbrica di Savonnerie ai tappeti e i laboratori di Puy- en-Velay e Alençon ai merletti. L’Atelier de Recherche et de Création – l’ARC – promuove la creazione e il design contemporaneo in Francia.


A proposito della Fondazione Banque populaire:

Dal 1992, la Fondazione Banque Populaire è lo strumento di mecenatismo nazionale delle 14 Banche Popolari e dei loro soci. È impegnata nei settori della musica, della disabilità e, più recentemente, dell’artigianato artistico per aiutare persone di talento, inventive e tenaci ad avviare i loro progetti di vita.

È una delle più antiche fondazioni del settore finanziario ed è l’unica a sostenere gli individui fornendo loro mezzi finanziari ma anche il conforto di una rete di relazioni e un accompagnamento a lungo termine.

Attenta alla qualità dell’impegno profuso nei confronti dei suoi vincitori, la Fondazione ha cercato personalità di spicco in ogni campo per formare giurie di esperti. Ascolto, sostegno e fiducia sono il fondamento della Fondazione. In 30 anni, 943 progetti hanno beneficiato del suo sostegno.

A proposito di Tréca:

Marchio del Gruppo Adova, gruppo artigiano francese di biancheria da letto, la Maison Tréca incarna l’arte di dormire alla francese grazie all’eredità di maestri artigiani il cui savoir-faire unico si trasmette dal 1935.

Con creazioni ispirate ai più grandi palazzi e pensate da designer di fama internazionale (Quaglio Simonelli, Andreas Weber, Christian Lacroix…), Tréca invita a vivere un’esperienza di comfort su misura.

Tutte le collezioni sono realizzate con materiali naturali, rari e preziosi sublimati nei laboratori di Reichshoffen (Alsace) e Mer (Loir-et-Cher), garanzia di un sonno d’eccellenza.

Il programma di residenza dedicato ai mestieri d’arte:

L’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici collabora con la Fondazione Bettencourt Schueller per avviare un programma inedito di residenza per professionisti che lavorano nel campo dell’artigianato artistico.

Villa Medici offre un programma di residenza annuale di un mese per 4 artigiani e/o designer che saranno vincitori del Premio Liliane Bettencourt per l’Intelligenza della Mano entro la fine del 2023.

Attraverso questo programma di residenza di ricerca, creazione e sperimentazione per persone che lavorano nel campo dell’arte e del design, Villa Medici desidera ampliare l’accesso alle sue residenze ad artigiani dell’arte e designer in un ambiente di lavoro che incoraggi l’emulazione tra le discipline artistiche.

I vincitori 2022 di questo programma di residenza sono Mylinh Nguyen, tornitrice di metallo, e il duo di designer Caterina e Marc Aurel.

Mylinh Nguyen:

Mylinh Nguyen ha conseguito un doppio diploma in artigianato, in scultura metallica presso la Scuola Nazionale Superiore di Arti Applicate e di Mestieri d’Arte Olivier de Serres e in tessile presso la Scuola Superiore di Arti Applicate Duperré. È stata formata da Fred Barnley ed è specializzata nella lavorazione del rame. Nel 2013 ha ricevuto il premio per l’Intelligenza della Mano dalla Fondazione Bettencourt Schueller, categoria talento d’eccezione, per la sua serie di sculture Meduse. Nel 2015 è stata residente a Kujoyama Villa in Giappone, dove ha trasformato la sua pratica coltivando nuove competenze legate alla modellazione. Nel 2017 è diventata Accademica per la Fondazione Hermès. Il suo lavoro è rappresentato dalla galleria 27 Concept.

A Roma, città di pietra per eccellenza, Mylinh Nguyen lavorerà sulle crepe. Dopo alcune fasi di deambulazione per individuare delle fessure in luoghi singolari della città, realizzerà dei calchi in materiali naturali per ricavarne dei lunghi quadri di gesso. In seguito cercherà di sviluppare dei mezzi per riparare, nobilitare e valorizzare queste fessure legate al passare del tempo, come un cenno al kintsugi, una tecnica giapponese di riparazione con lacca dorata che permette di sublimare le brecce della ceramica.

Caterina e Marc Aurel:

Marc Aurel, formatosi alla Scuola di Belle Arti e Architettura di Marsiglia, è entrato a Parigi dal 1989 al 1994 nello studio Wilmotte & Associés, dove è responsabile di progetti di design urbano. Parallelamente ad un’attività di professore di scuola d’arte, nel 1995 fonda lo studio Aurel Design Urbain, a Cassis, presente anche a Parigi dal 2018.

Caterina Aurel, formata alla Scuola di Architettura di Firenze e poi all’École Nationale des Ponts et Chaussées di Parigi, lavora sulla città e sullo sviluppo degli spazi pubblici. Dopo una collaborazione con la SCET come urbanista (Gruppo Caisse des Dépôts) dal 1994 al 2002, entra nello Studio Aurel Design Urbain come associata. Nel 2021 si forma in ecologia urbana presso il Museo di Storia Naturale di Parigi.

Caterina & Marc Aurel hanno scelto di mettere la loro esperienza al servizio del maggior numero di persone possibile, avvicinandosi alla città attraverso l’innovazione dei materiali naturali in relazione alle competenze artigianali, al rapporto tra città e natura e alla valorizzazione di materiali riciclati. Nel 2014 hanno vinto il premio Dialogo della Fondazione Bettencourt Schueller per la loro collezione di mobili in ceramica progettata per i souk di Beirut. Nel 2015 e nel 2018, le sedute «Beirut e Onda» integrano le collezioni permanenti dei musei Adrien Dubouché di Limoges e di Sèvres.

Accademia di Francia a Roma — Villa Medici

Viale della Trinità dei Monti, 1 – Roma