Lavoro e Business

Veneto: aumentano i debiti e diminuiscono le imprese. Triplicate le richieste di aiuto a Legge3.it

Veneto: aumentano i debiti e diminuiscono le imprese.

Qui il più alto tasso di suicidi legati alla crisi

Triplicate le richieste di aiuto a Legge3.it all’inizio della pandemia, e tornate a crescere da febbraio 2021. Gianmario Bertollo: “La Legge Salva Suicidi è uno strumento prezioso per risolvere la crisi. Eppure, l’informazione a riguardo continua ad essere carente”

Un recente studio effettuato dall’Osservatorio Economia e Territorio per CNA Veneto, racconta di una Regione ancora in sofferenza, con le imprese attive ridotto dello -0,6% rispetto al 2019. Non va meglio per le imprese artigiane -1.622 rispetto al 2019, la variazione percentuale -1,3% è stata peggiore rispetto alla media nazionale -0,3%.

Lo conferma anche Legge3.it, realtà che da anni aiuta privati e imprese ad uscire da situazioni di sovraindebitamento grazie alla Legge 3/2012, la cosiddetta “Salva Suicidi”, che in Veneto ha visto dall’inizio della Pandemia triplicare le richieste di aiuto in un solo mese (da febbraio 2020 a marzo 2020), passando da 67 a 174. La situazione è rimasta sostanzialmente stabile da marzo ad agosto 2020, per poi diminuire fino a gennaio 2021 e tornare a salire subito dopo: 98 le richieste pervenute a febbraio, 154 marzo 2021.

“La situazione in Veneto è molto delicata e meriterebbe maggiore attenzione. – Spiega Gianmario Bertollo, fondatore di Legge3.it – Solitamente, cittadini e imprenditori veneti hanno molto pudore nel parlare dei propri debiti, venendo da noi solo quando, ormai, non rimane molto da fare, e la casa o l’azienda sono all’asta o peggio. La maggior parte dei nostri clienti sono piccole partite iva che le hanno provate tutte prima di aprirsi e chiedere la consulenza. Non dimentichiamo che in questa regione c’è stato il maggior numero di suicidi causati dalla crisi economica e, solo nell’ultimo mese, quelli di cui siamo a conoscenza sono stati 4. Per questo, oggi più che mai è necessario conoscere gli strumenti normativi offerti dalla Legge 3 del 2012. Un dispositivo che inizialmente il legislatore aveva pensato per aiutare le Pmi, ma che ben presto è stato esteso anche ai privati. Attraverso la procedura del piano di rientro è possibile gestire situazione di crisi economica. Appare fondamentale, dunque, conoscerne bene i meccanismi al fine di aiutare quante più persone a risolvere la propria situazione. Eppure, ancora oggi, a quasi 10 anni dalla sua emanazione, la comunicazione a riguardo continua ad essere carente, e in pochi la conoscono. La Legge 3 del 2012, invece, potrebbe essere il punto di partenza per la ripresa dell’intero sistema Paese, dalla piccola azienda al privato cittadino”.
FONTE
ALESSANDRO MAOLA COMUNICAZIONE