Sport

Special Olympics Italia presenta il calendario sportivo 2021-2022

Special Olympics Italia presenta

il calendario sportivo 2021-2022

La European Football Week, in programma fino al 30 settembre, dà il via

“Un anno spettacolare. Mai a bordocampo” così si intitola la presentazione dell’anno sportivo 2021-2022 di Special Olympics Italia, in programma oggi alle ore 17,30 in streaming sulla piattaforma Zoom ed in diretta live sulla pagina Facebook di Special Olympics Italia.

Il Movimento sportivo volto all’inclusione delle persone con disabilità intellettive, attraverso lo sport unificato, presenterà oggi il ricco calendario degli eventi, locali e nazionali, i progetti e le iniziative che hanno come denominatore comune il benessere dell’Atleta e della sua famiglia. A dare il via ad una lunga serie di impegni ed iniziative, migliaia di atleti, in tutta Europa, stanno scendendo in campo per la European Football Week. La settimana interamente dedicata al calcio unificato, supportato dalla Uefa, è iniziato lo scorso giovedì 23 settembre ed è in programma fino a giovedì 30. Tra le diverse tappe, a Rieti nella giornata del 23 settembre si è tenuta un’amichevole di calcio unificato che ha coinvolto atleti e rifugiati politici provenienti dall’Afghanistan.

Durante la presentazione di oggi sarà previsto un collegamento streaming con Spezia, dove oggi 27 settembre alle ore 17.30, analogamente gli Atleti Special Olympics giocheranno, in formazioni miste, insieme ad un gruppo di giovani richiedenti asilo politico.

Lo sport unificato si ispira ad un principio semplice: il modo più immediato per far comprendere valori come l’inclusione e l’amicizia è allenarsi insieme, giocare e divertirsi insieme e la European Football Week vede finalmente gli Atleti Special Olympics tornare ad essere protagonisti sul campo da gioco. La pandemia covid-19, nel periodo del lockdown, aveva rigettato molti di loro in un isolamento già vissuto e da cui si erano faticosamente affrancati anche grazie alla pratica sportiva. Consapevole dell’urgenza sociale emersa, Special Olympics Italia non ha mai interrotto l’attività, ha saputo anzi reinventare ed adeguare i progetti e gli eventi, tramutatesi, questi ultimi, negli Smart Games. Ha così sfruttato al massimo tutti i canali di comunicazione per continuare ad offrire agli Atleti numerose opportunità di allenamento, di formazione e di intrattenimento a distanza.

Oggi verrà presentato il calendario, arricchito da testimonianze dirette di Atleti, familiari e coach, il programma di un nuovo inteso anno sportivo di eventi Nazionali, tra gli altri, con i Giochi Invernali ed Estivi, rispettivamente a Sappada nel dicembre 2021 ed a Torino nel giugno 2022 e locali con i Play the Games e le convention regionali.

L’attesa del ritorno ai Giochi Special Olympics cresce anche a livello internazionale: Nell’arco del 2023 si svolgeranno i Giochi Mondiali, sia invernali a Kazan che estivi a Dublino. Nel 2025 anno in cui sarà l’Italia ad organizzare per la prima volta i Giochi Mondiali Invernali a Torino. “The future is here” recita il claim del grande evento ed, a giudicare dall’atmosfera profusa dai nostri Atleti, più che pronti a tornare a gareggiare in presenza ed in sicurezza, sembra proprio che il futuro sia già qui.

www.specialolympics.it
www.ioadottouncampione.it
www.specialolympics.org

Special Olympics è il programma internazionale di allenamenti e competizioni atletiche per le persone con disabilità intellettive. Lo sport, offrendo continue opportunità di dimostrare coraggio e capacità, diventa un efficace strumento di riconoscimento sociale e di gratificazione, una palestra di vita che offre l’opportunità di mettersi in gioco per valorizzare le proprie capacità. Attraverso il potere dello sport, praticando sport, le persone con disabilità intellettive, sono messe nelle condizioni di scoprire nuove attitudini e capacità, abilità e successi. I nostri Atleti scoprono la gioia, la fiducia in se stessi e la piena soddisfazione – sul campo di gioco e nella vita. Possono così diventare fonte d’ispirazione per altre persone, nelle loro comunità, per aprire il cuore ad un mondo più ampio di talenti umani e potenzialità.

Special Olympics nasce, nel 1968 dall’intuizione di Eunice Kennedy Shriver, la Fondatrice che nel 1968 diede il via ufficiale al Movimento con i Primi Giochi Internazionali di Chicago, Illinois, come un programma sportivo esclusivo, pensato per le persone con disabilità intellettive, oggi, coinvolgendo un numero sempre crescente di giovani senza disabilità, è diventato un Movimento sportivo e culturale inclusivo, aperto a tutti, anche alle persone senza disabilità intellettive che possono partecipare agli eventi non solo come volontari, ma anche in qualità di Atleti Partner. Lo sport unificato rappresenta oggi il mezzo più importante per raggiungere il traguardo della piena inclusione.
Si tratta di un messaggio di grande speranza rivolto a milioni di persone, ai loro familiari e alla comunità tutta.
Oggi Special Olympics è riconosciuto dal Comitato Olimpico Internazionale e i suoi programmi sono adottati in 200 Paesi. Special Olympics Italia, riconosciuta Associazione Benemerita dal CONI e dal CIP e opera in tutte le regioni. Sono presenti in tutta Italia Team Special Olympics che allenano gli atleti nei seguenti sport.
Sport ufficiali: Atletica leggera, Badminton, Bocce, Bowling, Calcio, Canottaggio, Equitazione, Ginnastica artistica, Ginnastica ritmica, Golf, Indoor Rowing, Nuoto, Nuoto in acque libere, Pallacanestro, Pallavolo, Sport Invernali (Corsa con le Racchette da neve, Sci alpino, Sci nordico, Snowboard) Rugby, Tennis e Tennistavolo.

Sport dimostrativi: Beach Volley, Danza Sportiva, Dragon Boat, Pallanuoto, Triathlon e Vela.

Sport Sperimentali: Floorball, Karate

Sono previste gare di sport unificato nelle seguenti discipline: Atletica leggera (staffetta), Badminton, Bocce, Bowling, Calcio, Canottaggio, Corsa con le racchette da neve, Karate, Nuoto (staffetta), Nuoto in acque libere, Pallacanestro, Pallavolo, Rugby, Tennis e Tennistavolo.

Ogni anno una rappresentativa italiana viene chiamata a partecipare alternativamente ai Giochi Mondiali, Invernali o Estivi. Il programma Special Olympics è adottato in 200 Paesi. Si calcola che nel mondo ci siano 5,755,056 Atleti, 627.452 famiglie e 1,114,697 volontari che ogni anno collaborano alla riuscita di 103,540 grandi eventi nel mondo.

Il giuramento dell’Atleta Special Olympics è: Che io possa vincere ma se non riuscissi che io possa tentare con tutte le mie forze.

fonte SPECIAL OLYMPICS